The Coronavirus has highlighted many critical issues in a typical urban environment, which need to be rethought today in terms of prevention. This is the focus of the study “COVID-19 and Cities: from Urban Health Strategies to the Pandemic Challenge. A Decalogue of Public Health Opportunities”, published by Acta Biomedica and written by Professor Stefano Capolongo 

“Architecture has an increasing need for tools supporting design choices, especially with regards to the impact of built environments on our health,” began prof. Stefano Capolongo, Director of the Department of Architecture, Construction Engineering and Built Environment (DABC) and coordinator of the Design & Health Lab research unit.

During the COVID-19 pandemic, the Department has set up 14 monitoring units with the aim of studying the role of the built environment in the re-opening phase. The involved sectors range from tourism to digitalization and from schools to sport venues.

More specifically, the Design & Health Lab is carrying out three lines of research. Hospital construction, on which the researchers of the Politecnico have been working for several years, including the development of Multi-Criteria Assessment (MCA) tools. It is a topic that centralizes the critical planning issues on the model of cities and, today, must focus specifically on resilience, flexibility and contagion control. For example, by designing one-way systems and modular cores that can be easily isolated and adapted.

Model of the “Superblock” of the city of Barcelona with consequent improvement of urban mobility

The next important issue is the close relationship between the indoor environment and the well-being of the population. A recent study, carried out in collaboration with the University of Genoa, has highlighted and measured the correlation between the quality of the home environment and mental health during the lockdown (read the paper). “Given the sample size, our statistical analyses have allowed for an objective reading of both quantitative and qualitative data, ranging from the apartment size to the number of residents, the perceived level of comfort and the view from the windows”, continued Capolongo. He also stressed that the built environment can play a preventive role in the onset of certain diseases and has become fundamental for our ability to respond to health emergencies.

The third line of research in urban health is, in fact, the subject of city planning. “Some studies that are still under development would seem to suggest a correlation between the built environment and the spread of the pandemic”. 57% of the population lives in an urban context today and this number is forecast to exceed 70% by 2050. “Life in cities brings several health benefits. Against all odds, the urban population has a longer life expectancy than people living in rural areas”. This is due to the higher level of education and the greater economic capacity in cities. Furthermore, the increased accessibility to services cannot be overlooked: put simply, hospitals are close and easily accessible. On the other hand, our cities are highly polluted, and this accounts for one third as a risk factor for public health. Living in the city increases the likelihood of developing diseases related to a sedentary lifestyle such as diabetes and obesity. These pathologies, particularly widespread in urban areas, belong to the so-called “Non-Communicable Diseases” (NCDs), i.e. chronic and degenerative illnesses such as cardiovascular conditions and cancer. WHO studies show that the globalization, the urbanization and the aging population are responsible for 87% of the incidence of these diseases in Europe.

This leads to an increasing transformation of the concept of health from a purely medical approach to a social approach. Social behavior has a major influence on the health of the population. This approach is described in the review published in Acta Biomedica in April 2020: “we interpret all the design activities, such as a park, a bicycle path, a pedestrian area, as actions of disease prevention and health promotion. In the case of COVID-19, the relationship between the urban environment and the spread of the epidemic is obvious. In the first instance there seems to be a correlation between air pollution and virus propagation or severity of symptoms. Moreover, it seems that the virus has mainly affected the elderly and people with multiple conditions, two groups representative of cities, particularly in relation to the chronic and degenerative diseases mentioned above. Therefore, safeguarding cities from these elements could affect our ability to stop a second wave of the virus,” says Capolongo. “Today, urban planning takes an urgent dimension, but COVID-19 has accelerated a process which was already underway, namely the need to make cities increasingly more sustainable, resilient and inclusive”.

In this context, for example, an urban park can be interpreted as the lungs of the city, where emergency management support functions can be quickly placed. It could host a field hospital in the city center, close to hospitals but well-isolated, preventing the spread of the contagion. Social distancing is another example. “It is an ancient practice, used particularly when vaccines and antibiotics did not exist; during the 20th century, progress in the medical field has led to prevention functions being entrusted to medicine whereas, in the past, they were carried out through isolation and good hygiene. Today we are once again in the situation of not having (for the time being) an effective vaccine or medical treatment for this virus, and cities can adapt by adopting ‘social’ instruments, or rather spatial and organizational strategies: for example, timetable planning to avoid overcrowding on public transport, without people having to travel by car”.

Example of functional mixitè in the (Y) our City Center, Glasgow project of the MVRDV studio
The Ville du quart d’heure (city of the quarter of an hour) project being tested in Paris

Another tool is neighborhood planning: to recreate accessibility of proximity services of the population within a maximum of 15 minutes on foot. “This would make physical activity possible (limiting sedentariness), allow the urban fabric to be revitalized in economic terms (another element which impacts health) and could be of great help in containing outbreaks. Neighborhood cores would be porous to each other under normal conditions but, if necessary, could be quickly isolated, avoiding general closures and intervening only where necessary and for short periods, thereby having less of an impact on the economic system”.

The review published in Acta Biomedica contains a decalogue of proposals which, starting from reflections on the Coronavirus pandemic, open up interesting scenarios for the evolution of our cities. “In this particular moment in history, cities play an important role in managing the epidemic and its long-term effects”.

VERSIONE ITALIANA

Il Coronavirus ha evidenziato alcune criticità tipiche del contesto urbano, che oggi ha bisogno di essere ripensato in chiave di prevenzione: ne parla lo studio “COVID-19 and Cities: from Urban Health strategies to the pandemic challenge. A Decalogue of Public Health opportunities”, pubblicato da Acta Biomedica e firmato dal prof. Stefano Capolongo  

“L’architettura ha sempre più bisogno di strumenti che possano supportare le scelte progettuali, in particolare sul modo in cui l’ambiente costruito influisce sul nostro stato di salute”. Inizia così il prof. Stefano Capolongo, direttore del dipartimento di Architettura, Ingegneria delle Costruzioni e Ambiente Costruito (DABC) e coordinatore dell’unità di ricerca Design & Health Lab.

A fronte dell’emergenza Covid-19,il Dipartimento ha attivato 14 osservatori per studiare il ruolo dell’ambiente costruito nella fase di ripartenza dal turismo alla digitalizzazione, dalle scuole ai luoghi per lo sport.

In particolare, il Design & Health Lab sta portando avanti tre linee di ricerca. Quello dell’edilizia ospedaliera, sul quale i ricercatori del Politecnico stanno lavorando da diversi anni anche attraverso lo sviluppo di strumenti di valutazione multicriteriale. È un tema che accentra le criticità di pianificazione sul modello delle città e che, oggi, deve focalizzarsi in modo specifico su resilienza, flessibilità e sul controllo del contagio: per esempio con la progettazione di percorsi a senso unico e nuclei modulari facilmente isolabili e adattabili.

Modello del “Superblock” della città di Barcellona con conseguente miglioramento della mobilità urbana

Il secondo tema importante è quello della stretta relazione che esiste tra ambiente indoor e benessere della popolazione. Una ricerca di queste settimane, svolta in collaborazione con l’Università di Genova, ha messo in evidenza e misurato la correlazione tra qualità dell’abitazione e salute mentale, durante il lockdown (leggi l’articolo). “L’elevata numerosità del campione e le analisi statistiche hanno permesso una lettura oggettiva di dati sia quantitativi che qualitativi, che vanno dalle dimensioni di un appartamento, al numero di abitanti, al comfort percepito e alla vista di cui si gode dalle finestre”, continua Capolongo, evidenziando come l’ambiente costruito possa svolgere funzioni di prevenzione nell’insorgere di determinate patologie e abbia oggi un ruolo importante nella nostra capacità di rispondere alle emergenze sanitarie.

La terza linea di ricerca in ambito urban health è infatti il tema della pianificazione delle città. “Alcuni studi, ancora in fase di elaborazione, dimostrerebbero che esiste una correlazione tra ambiente costruito e diffusione della pandemia”. Oggi, il 57% della popolazione vive in contesti urbani e si prevede che nel 2050 questa proporzione crescerà fino a superare la soglia del 70%. “Vivere in città comporta diversi vantaggi dal punto di vista della salute, contrariamente a quanto si potrebbe pensare: la popolazione urbana ha una aspettativa di vita maggiore di quella che vive in contesto rurale”. Questo è dovuto al grado di istruzione, mediamente più elevato in città, e ala maggiore capacità economica. Inoltre, non trascurabile è la maggiore accessibilità ai servizi: banalmente, gli ospedali sono vicini e facilmente raggiungibili. Per contro, le nostre città sono molto inquinate e questo incide per un terzo sulla salute in quanto fattore di rischio. Vivere in città fa aumentare la probabilità di sviluppare malattie legate a uno stile di vita sedentario come il diabete e l’obesità. Queste patologie particolarmente diffuse in aree urbane appartengono alle cosiddette “Non Communicable Diseases” (NCDs), cioè malattie cronico degenerative, come quelle cardiocircolatorie e oncologiche. Gli studi OMS dimostrano che, in Europa, globalizzazione, urbanizzazione e invecchiamento della popolazione sono responsabili di queste malattie con un’incidenza dell’87%.

Questo porta a trasferire sempre più il concetto di salute da un approccio esclusivamente medico a un approccio di carattere sociale: i comportamenti sociali influiscono notevolmente sulla salute della popolazione. Questo approccio è descritto nella review pubblicata su Acta Biomedica nell’aprile 2020: “interpretiamo tutte le azioni progettuali, come un parco, una pista ciclabile, un’area pedonale, come azioni di prevenzione dalle malattie e promozione della salute. Nel caso di COVID-19, la relazione tra ambiente urbano e diffusione dell’epidemia sono evidenti. In prima istanza sembra che ci sia una correlazione tra inquinamento atmosferico e propagazione del virus o gravità dei sintomi. Inoltre, sembra che il virus abbia colpito soprattutto la popolazione anziana e pluripatologica, due fasce anagrafiche rappresentate nelle città, in particolar modo in relazione alle patologie cronico degenerative citate sopra. Quindi, rendere sicure le città rispetto a questi elementi potrebbe incidere sulla nostra capacità di fermare una seconda ondata”, commenta Capolongo. “Oggi, la pianificazione urbana assume una dimensione urgente, ma COVID-19 ha accelerato un processo già in atto, ovvero la necessità di rendere le città sempre più sostenibili, resilienti e inclusive”.

In questa chiave, per esempio, un parco urbano può essere interpretato come uno spazio polmone, dove poter eventualmente collocare rapidamente funzioni di supporto alla gestione dell’emergenza: potrebbe ospitare un ospedale da campo, in centro città e vicino agli ospedali, ma ben isolato per non alimentare il contagio. Il distanziamento sociale è un altro esempio. “È una pratica antica, in uso soprattutto quando non esistevano vaccini e antibiotici: nel corso del ‘900, il progresso in campo medico ha demandato alla medicina le funzioni di prevenzione che, in passato, erano svolte dall’isolamento e dalle pratiche igieniche. Oggi ci troviamo nuovamente nella condizione di non avere (per ora) un vaccino o un rimedio medico efficace contro questo virus, e le città possono adattarsi adottando strumenti “sociali” ovvero strategie spaziali e organizzative: per esempio, un piano regolatore degli orari che permetta di evitare assembramenti sui mezzi pubblici, senza che per forza le persone debbano spostarsi in macchina”.

Esempio di mixitè funzionale nel progetto (Y)our City Center, Glasgow dello studio MVRDV
Il progetto Ville du quart d’heure (città del quarto d’ora) in corso di sperimentazione a Parigi

Un altro strumento è la pianificazione dei quartieri: ricreare i servizi di prossimità della popolazione nell’arco di percorrenza di tempo massima di 15 minuti a piedi. “Consentirebbe di fare attività fisica (limitando la sedentarietà), permetterebbe una rivitalizzazione del tessuto urbano in termini economici (anche questo elemento che incide sulla salute) e potrebbe essere di grande aiuto nel contenere i focolai. I quartieri-nuclei sarebbero permeabili tra loro in condizioni normali, ma in caso di necessità potrebbero essere isolati rapidamente, evitando al contempo chiusure generalizzate e intervenendo solo dove è necessario e per periodi brevi, che peserebbero meno sul sistema economico”.

La review pubblicata su Acta Biomedica contiene un decalogo di proposte che, a partire dalle riflessioni sulla pandemia di Coronavirus, aprono scenari interessanti sull’evoluzione delle nostre città. “In questo particolare momento storico le città hanno un ruolo importante nella gestione dell’epidemia e dei suoi effetti a lungo termine”.

Questo sito utilizza i cookies per le statistiche e per agevolare la navigazione nelle pagine del sito e delle applicazioni web. Maggiori informazioni sono disponibili alla pagina dell'informativa sulla privacy

Accetto